Trapani: il primo incontro con la Sicilia [non si scorda mai].

Non ne dubitavo. La Sicilia mi ha conquistata in meno di 48 ore. Una toccata e fuga per lavoro è stata l’occasione per conoscere Trapani atterrando in terra sicula una settimana prima del previsto. Mi sono presa tutto il (poco) tempo libero che ho avuto a disposizione per girellare tra le strade del centro e soprattutto per respirare il mare. Ne ho sentito l’odore appena scesa dall’aereo su quella pista asfaltata lontana un po’ di chilometri dalla costa. Eppure l’odore del mare mi ha raggiunta in un secondo, definito e inconfondibile; ho sentito subito profumo di isola: questa è la prima cosa bella che mi ha colpito appena arrivata in Sicilia e che ricorderò quando negli anni la penserò.
Sorprendentemente sono arrivata a Trapani con la pioggia ma il cielo si è pulito al momento giusto ed è uscito il sole,  regalo metereologico molto apprezzato perché il bel clima mi ha permesso di scaricare la testa dallo stress delle ultime settimane camminando lungo le Mura di Tramontana e osservando il mare a perdita d’occhio. C’erano poche anime, è stato come averlo tutto per me e ho respirato a pieni polmoni, perché l’aria buona porta sempre nuove buone energie.

 

Trapani

 

trapani

 

trapani

 

TRAPANI

 Ho scoperto che il centro storico di Trapani è più piccolo di quanto immaginassi perciò anche in un week end si ha modo di vedere molto senza disperdersi troppo e di apprezzare anche le stradine secondarie. Ho scoperto che Trapani ha tanti vicoli e vicoletti, proprio come quelli che piacciono a me, coi terrazzini e qualche fiore alle finestre.

trapani

 

 

trapani

 

trapani

Mi hanno raccontato che il centro è stato restaurato e rivalorizzato negli ultimi anni. Non so come fosse prima ma adesso è davvero un piacere camminare tra palazzi barocchi di influenza spagnola, portoni che si aprono su corti deliziose ed enoteche dove gustarsi un aperitivo all’aperto.

 

trapani centro

 

trapani

trapani

 

 

 

TRAPANI

trapani

trapani

E mentre passavo da un incrocio all’altro ho adorato sentire come sottofondo gruppetti di uomini discutere e scherzare con il loro accento siciliano. Mi incanto ad ascoltarlo: caloroso, coinvolgente, simpatico, su di me “attacca bene” e se mai mi chiedessero quale dialetto italiano vorrei imparare avrei già la risposta pronta. Sarà per questo che mi sono fermata a chiacchierare con tante persone vivendo in prima persona la rinomata ospitalità siciliana che in effetti si percepisce anche se, come me, passi da là per poco tempo. ….Belle persone, i siciliani.

 

trapani

Ho scoperto poi che i piatti tipici di Trapani sono il cous cous di pesce e anche le panelle, ovvero triangolini di farina di ceci fritta che, anche se non mangio fritto, non potevo non assaggiare. E così ho mangiato anche il mio primo arancino siciliano DOC. Ma non solo: ho scoperto che Trapani è famosa nel mondo per la pizza e allora perché negarsela a cena? Parte di queste righe sono state scritte proprio mentre ho aspettato la mia super pizza da Calvino, pizzeria siciliana storica rilevata in una vecchia ex casa chiusa in una viuzza del centro.

TRAPANI
Nonostante il breve tempo a disposizione sono riuscita a cogliere l’essenza di Trapani grazie anche ai preziosi suggerimenti dati dal proprietario del posto dove ho alloggiato due notti, il Bed & Breakfast Casalicchio, che tra l’altro vi suggerisco se passate da Trapani perché è davvero molto carino e in una posizione molto comoda in centro. L’ambiente è curato e l’accoglienza è davvero ottima. Notare i pavimenti fatti di mattonelle antiche..stupende!

B&B Casalicchio

Mi porto a casa un po’ di Sicilia con questi ricordi di Trapani e con piccole ceramiche che ho acquistato in un negozietto del centro, Palomar, che vende per lo più opere del ceramista Tito Taormina..io le trovo davvero belle.

 

Ceramiche TiTo Taormina

 Stamani sono partita con la sensazione di aver trovato una nuova terra amica, di quelle speciali che quando le trovi non le lasci più. E come succede dopo i primi appuntamenti andati bene, non vedo l’ora che arrivi il secondo che fortunatamente è vicino: come vi avevo già anticipato qui infatti, il prossimo fine settimana sarò a Palermo e vi confesso che l’idea di tornare così presto mi ha alleggerito il distacco dall’isola che, si sa, a volte è difficile.

Un altro pezzettino di Sicilia mi aspetta e io, lo so già, mi sentirò come a casa.

trapani

Annunci

3 pensieri su “Trapani: il primo incontro con la Sicilia [non si scorda mai].

  1. Pingback: Palermo tutta la vita. | IN OGNI VIAGGIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...