Palermo tutta la vita.

Che fra me e la Sicilia fosse nato un amore probabilmente l’avevate già letto qui.     

Che i siciliani mi avessero conquistata con la loro simpatia, la loro ospitalità e il loro accento…sì, anche questo forse lo sapete già.

Che Palermo mi sarebbe piaciuta, che mi sarei sentita a casa, che avrei apprezzato l’arancina (perchè a Palermo l’arancino diventa arancina) tenendo una media giornaliera di tutto rispetto…di questo io ero certa in anticipo.

Ma che camminando per il centro avrei detto molte volte “Palermo tutta la vita”, questo no, ad essere onesta non l’avevo pensato.

 

palermo

Palermo tutta la vita vuol dire che mi è piaciuta talmente tanto che la metto ad un posto speciale tra le città italiane per il suo carattere e per il suo fascino, per la sua storia e per il suo patrimonio artistico, per i suoi alberi e per i suoi muri, per la sua gente e per il suo accento, per la semplicità e il calore con cui si animano i vecchi quartieri, nei mercati la mattina e nelle piazze di notte.

 

 

palermo

 

palermo piazza marina

 

palermo la martorana

 

palermo

Palermo tutta la vita vuol dire che trovo bellissimo girare per i mercati confusionari di Ballarò e de Il Capo, vedere banchi di spezie profumate, frutta e verdura coloratissima, tonni enormi, capperi e olive di ogni genere. E poi camminare senza meta nei vicoli della Kalsa e in quelli della Vucciria…vedere infinite file di terrazzini, bambini che giocano per strada, bandierine colorate e bunganville mischiarsi col cielo…Vi ci dovete trovare per capirne l’atmosfera, per affacciarvi a una porticina e scoprire un cortile nascosto con tanto di stalla, cavallo e carretto siciliano, per assaggiare continuamente specialità davanti a cui non potete tirarvi indietro (qualsiasi tipo di regime alimentare controllato verrà sopraffatto, sappiatelo).

 

palermo

 

ballarò

 

Palermo

 

palermo

Palermo tutta la vita vuol dire che io sono certa che nella mia vita ci tornerò più volte e, se volontà e destino si incastrano bene, anche non fra molto tempo. Perché Palermo, se non l’aveste ancora capito bene, è una di quelle città che mi ha conquistata in ogni suo angolo, viuzza e piazza. Anche laddove ho visto impalcature abbandonate, muri scrostati, finestre rotte, stendini ad asciugare sui marciapiedi.

palermo

 

Palermo

palermo

 

palermo

Palermo tutta la vita vuol dire che ho camminato anche tra le realtà di zone più povere, conosciuto alcuni problemi della società cittadina, visto le strade più abbandonate e tante case con le finestre cementate ma al tempo stesso conosciuto anche validi tentativi di rivalorizzazione da parte dei singoli cittadini. Come DADA ART ad esempio, un locale ricavato in una piccola stradina di Via Gioiamia, nel quartiere Il Capo, grazie alla filosofia del riuso: assi di legno colorate,  sedie anni ’80, specchi e portaceneri vintage, musica, buona compagnia per un aperitivo. 

 

palermo dada art

 

Dada art palermo

E ancora l’impegno di Uwe Jaentsch, artista austriaco adottato da Palermo da molti anni, “protettore” di Piazza Garraffello, una delle più antiche piazze di Palermo nel quartiere de La Vucciria. Noi l’abbiamo conosciuto: la sua storia è lunga e curiosa per cui se siete interessati vi lascio approfondire qui  il suo impegno per restituire un’anima a questo vecchio quartiere. Non so esattamente come fossero prima di Uwe queste strade ma adesso quest’anima c’è: noi l’abbiamo conosciuta, giorno e notte, e ci è piaciuta tantissimo.

piazza garraffello Palermo

piazza Garraffello Palermo

E alla fine, dopo 3 giorni così intensi e appassionati, io e Palermo ci siamo salutate così … con un romantico arrivederci 🙂 . 

 

Palermo S.Rosalia

Annunci

25 pensieri su “Palermo tutta la vita.

  1. Palermo ti entra dentro e non ti molla più, un po’ come tutta la Sicilia del resto. E ogni volta che ci torni, lo fai con piacere ed entusiasmo, perché ogni volta ne sentivi la mancanza eppure allo stesso tempo ti sembra di essere sempre vissuto lì. Anch’io sono un po’ siciliana nell’anima…

  2. oddio Cri, quanto è bello questo post?
    Belli i colori, belle le foto, belle le tue parole.
    E non pensiamo alla dieta, pensiamo al buon cibo siciliano!
    Ecco, devo andare a Palemmmmo! 😀

    • Ma grazie Manu!!! Mi fa piacere soprattutto perché spero che ti sia arrivata Palermo così come l ho vissuta io..Palermo e’ da accogliere a braccia aperte! 543 foto in 3 giorni..non sai quanto vorrei raccontarvi tutto subito ma lo sai meglio di me..a volte e’ bello anche lasciar sedimentare un po’ ricordi ed emozioni ..

    • Grazie Max, Palermo e’ un mix di contraddizioni ma forse è proprio questo il motivo del suo fascino. I problemi non mancano ma i palermitani sono persone belle e gioiose.

  3. La notte penso nel letto di andare via (disoccupato), ma poi di giorno non ci penso e ogni giorno passa (anche da disoccupato a Palermo si sopravvive)…

    • Ciao Roby…grazie per il tuo commento. Abiti in una città piena di cose belle, di potenzialità e di vita anche se mi rendo bene conto – perchè ho visto ma soprattutto mi hanno spiegato – delle importanti difficoltà che esistono e vengono vissute. Non mi sono innamorata di Palermo perchè ho visto tutto rosa. Ho apprezzato di più proprio le zone popolari perchè mi sono sembrate quelle più vere, quelle che nonostante problemi più grandi di loro vanno avanti in equilibrio e a testa alta, quanto possono. c’è chi non lo farebbe e io questo l’ho apprezzato tantissimo.
      grazie ancora per essere passato di qui.

  4. Semplicemente GRAZIE..

    Con le tue parole mi hai fatto sentire orgoglioso di essere un Palermitano.. più di quanto già non lo sia..

  5. Eccomi!!! Finalmente ho trovato la serata giusta per staccare e leggere e commentare il tuo blog con la giusta calma. Sogno la Sicilia da anni e questo tuo racconto non ha fatto che aumentare la mia voglia di scoprirla e perdermi per quelle viuzze magiche della sua Palermo.
    Aspetto con ansia i racconti di Lisbona… la mia amata!
    Ti abbraccio e sappi che sei tra i miei “lovely blog”: http://www.viaggideltaccuino.it/wordpress/lovely-blog-award-i-blog-amici/

    • evviva grazie mille! 🙂 anche io per anni non sono mai stata ma dobbiamo ricordarci che la Sicilia è dietro l’angolo, in un’ora circa di aereo ci sei ed è bello scoprirla anche poco alla volta…

  6. Pingback: Ballarò: il mercato di Palermo sopra un palcoscenico. | IN OGNI VIAGGIO

  7. Da Palermitana voglio ringraziarti. Hai colto in pieno l’essenza della mia città ed é fantastico come parli dei suoi difetti trovando del bello anche in quello ❤

    • grazie Ambra. mi fa piacere che ritrovi nelle mie sensazioni “l’essenza” di Palermo ma soprattutto mi fa ancora più piacere sapere di aver potuto vivere e cogliere la realtà anche in pochi giorni. Palermo è una città da amare.

  8. Pingback: Palermo: dove mangiare arancine e cornetti al pistacchio. | IN OGNI VIAGGIO

  9. Pingback: Sweet Hanoi. | IN OGNI VIAGGIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...