Vietnam: come organizzare da soli un viaggio di due settimane.

Nei mesi passati in molti mi avete chiesto informazioni sul Vietnam perciò, considerando che qualcuno starà ancora decidendo dove andare quest’estate e qualcun’altro forse ha già deciso, contagiato dalla mia “vietnamite”, non posso più rimandare questo post: vi racconto come ho organizzato autonomamente il mio viaggio di due settimane in Vietnam. Perchè ho scelto di andare in Vietnam ve l’ho raccontato qui, anche se a dirla tutta, la storia è un po’ più lunga e la passione per quest’area geografica è nata nel 2008, quando la Thailandia mi ha aperto le porte di questo continente dall’anima speciale. Ma in questo post lascio da parte le emozioni e cercherò di darvi informazioni su spostamenti, alberghi e prenotazioni varie. vietnam

Prima di entrare nello specifico vorrei farvi presente che il Vietnam dal punto di vista turistico è più organizzato di quanto si pensi (almeno in Italia). Nelle mie due settimane in giro per questo paese ho incontrato moltissimi europei, australiani, asiatici, di tutte le età, comprese famiglie con nonni e bambini piccoli. Pochissimi italiani. Alcune zone del paese stanno vivendo una fase di ripresa proprio grazie al turismo mentre restano ancora scarsi i servizi legati alle infrastrutture; spesso emerge la discrepanza tra la discreta organizzazione delle località più visitate e una certa carenza nei collegamenti. E’ un viaggio dove sicuramente serve ancora un po’ di spirito di adattamento, ma è anche vero che è tutto veramente molto economico perciò se siete viaggiatori che “si adattano ma non troppo”, troverete senza dubbio soluzioni che fanno per voi come alberghi molto belli, spostamenti con macchina ed autista privato, escursioni già pronte e confezionate di cui in alcuni posti nessuno comunque può fare a meno (per esempio per visitare la Baia di Ha Long è necessario andare con una mini-crociera organizzata). Personalmente in viaggio mi adatto molto, posso dormire in ostello, in treno o in alberghi 4 stelle…del viaggio mi piace anche questo: cambiare e sperimentare situazioni diverse perciò anche nei riferimenti degli alberghi che trovate più avanti noterete una certa varietà. Ma ora entriamo nei dettagli.

vietnam

IL VISTO. Grazie ad un provvedimento rilasciato il 18 Giugno 2015 dalle autorità del Vietnam, se entrate nel paese con un ingresso singolo della durata massima di 15 giorni, non vi occorrerà il visto. Se invece il vostro ingresso supera i 15 giorni vi occorrerà il visto che potete ottenere in due modi: facendo richiesta all’Ambasciata del Vietnam di Roma o al Consolato del Vietnam di Torino, oppure richiedendo una lettera di invito ad un’agenzia turistica locale accreditata ed ottenere il vostro visa on arrival presentandola quando arrivate in aeroporto. Questo servizio da parte dell’agenzia ha un costo o spesso può essere gratuito se abbinato all’acquisto di altre escursioni o servizi. Ad ogni modo in questo caso, oltre alla lettera di invito e al modulo del visto da compilare all’arrivo in aeroporto, vi serviranno 45 dollari americani, due foto tessera, il vostro passaporto valido almeno 6 mesi dal momento dell’arrivo in Vietnam e la prenotazione dei voli andata e ritorno. Noi ci siamo affidati all’agenzia Indocina Voyages e abbiamo seguito questa procedura che è affidabilissima, comoda e costa meno. Un consiglio: prima di richiedere il visto, decidete quale sarà il vostro itinerario. Se nel mezzo del vostro viaggio pensate di uscire e rientrare dal paese magari per fare un salto in Cambogia, ricordatevi di fare il visa on arrival multi entry e non single entry (che vale un mese esatto), altrimenti non potrete rientrare in Vietnam. > Maggiori informazioni potete trovarle qui.

PERIODO. Siamo partiti in due per il nostro viaggio di due settimane a fine Agosto, periodo forse non tra i migliori dal punto di vista climatico ma leggendo guide e informazioni online capirete che in più periodi dell’anno, il tempo varia molto in base alla zona geografica. Noi abbiamo trovato caldo al nord con un solo giorno di pioggia nella zona delle montagne di Sapa e un acquazzone pomeridiano estivo ad Hanoi; nella zona centrale ricordo molto caldo mentre al sud, nei giorni trascorsi tra Ho Chi Minh City e il Delta del Mekong, la temperature erano umide con classiche pioggie a metà pomeriggio. Insomma, tutto sommato non c’è andata male 🙂 .

An Bang Beach

ITINERARIO. Questo è stato il nostro itinerario, deciso dopo uno studio piuttosto approfondito di guide, blog, riviste di viaggio, ma che in realtà rispecchia il giro classico, un po’ tirato, di chi ha a disposizione 15 giorni e vuole comunque conoscere più zone del Vietnam:

  • 25 Agosto: FIRENZE – HANOI (arrivo alle ore 6.20 locali del 26 Agosto);

  • 26 Agosto: HANOI visita della città;

  • 27 Agosto: HANOI – HA LONG BAY (partenza la mattina con servizio pick up presso il nostro albergo, 3 ore e mezzo di pulmino per raggiungere Ha Long, inizio della mini crociera per visitare la Baia con pernottamento in barca);

  • 28 Agosto: HA LONG BAY – giornata dedicata alla visita della Baia e ritorno nel pomeriggio ad HANOI dove la sera abbiamo preso il treno notturno per SAPA;

  • 29 Agosto: arrivo la mattina all’alba alla stazione di Lao Cai dove abbiamo preso il pulmino dell’albergo che avevamo prenotato e che ci ha portato a SAPA in circa 45 minuti. Primo vero giorno di pioggia perciò abbiamo dedicato la giornata a visitare il paesino e allo shopping per il trekking che abbiamo rimandato al giorno seguente (portatevi delle scarpe adatte perchè se trovate terreno bagnato affondate nel fango e scivolate di continuo…parola di chi aveva sottovalutato la difficoltà di trekking in quel di Sapa).

  • 30 Agosto: trekking tra le montagne di Sapa insieme alla nostra guida appartenente alla tribù dei Hmong Neri e ad un gruppetto di viaggiatori. Una giornata indimenticabile, se vi interessa vi lascio approfondire qui.  Rientro a Sapa nel pomeriggio, recupero zaini in albergo e partenza la sera con treno notturno per Hanoi.

  • 31 Agosto: arrivo ad Hanoi la mattina alle 5.30. [Piccola nota di emozione: scoprire la città a quest’ora è meraviglioso perchè è già molto attiva nelle sue tradizioni e animata da molte persone che praticano attività fisica e meditazione intorno al lago che è una bellezza solo guardarli…]. Appena arrivati siamo andati all’albergo dove avevamo alloggiato il primo giorno e che per una cifra minima ci ha dato una camera consentendoci di riposare qualche ora, fare una doccia e lasciare i nostri zaini mentre siamo andati in giro per la città in attesa del nostro aereo diretto ad HOI AN. Nel pomeriggio volo per DANANG e sistemazione nella homestay ad HOI AN. Il tragitto dall’aeroporto di DANANG ad HOI AN l’abbiamo fatto in taxi, ovvero ci è venuto a prendere in macchina il fratello della proprietaria del nostro alloggio.

  • 1,2,3 Settembre: in questi giorni abbiamo fatto base ad HOI AN, per goderci la cittadina e i dintorni e riposarsi anche un po’ al mare (vi consiglio An Bang Beach, bianca, più selvaggia e meno frequentata);

  • 4 Settembre: lasciamo HOI AN per volare ad HO CHI MINH CITY dove ci godiamo la serata in giro per la città;

  • 5 Settembre: partenza la mattina dall’albergo con pulmino per giro di due giorni sul DELTA del MEKONG;

  • 6 Settembre: DELTA DEL MEKONG e rientro la sera ad HO CHI MINH CITY;

  • 7 Settembre: HO CHI MINCH CITY – visita della città;

  • 8 Settembre: HO CHI MINH CITY- FIRENZE.

VIETNAM

VOLI E SPOSTAMENTI. Abbiamo prenotato i nostri voli a fine Giugno trovando una buona soluzione da Firenze con Air France (con scalo a Parigi): circa 800 euro a testa, andata e ritorno tasse incluse, con arrivo ad Hanoi e ritorno da Ho Chi Minh City. Tra Parigi ed Hanoi abbiamo volato con la Vietnam Airlines, stessa compagnia che abbiamo usato per i voli interni Hanoi-Danang e Hoi An-Ho Chi Minh City, prenotati dall’Italia a prezzi molto convenienti. Alcune delle recensioni trovate sulla compagnia vietnamita non erano molto entusiasmanti ma in realtà da pochi anni la Vietnam Airlines è entrata a far parte dell’alleanza Sky Team e personalmente ci siamo trovati bene sia sul volo di lunga tratta che con gli aerei dei voli interni. Suggerimento per voli interni: controllate l’orario di partenza del vostro volo perchè spesso subiscono variazioni, è capitato anche a noi.

Tramite l’agenzia Indocina Voyages abbiamo prenotato dall’Italia anche i biglietti dei treni a/r per Sapa (Fanxipan Train: 180 USD a/r per due persone in cuccetta da 4, sufficientemente pulito ma non vi aspettate di dormire..non tanto per il treno ma per le rotaie) e la crociera ad Ha Long Bay. Se avete bisogno di un’agenzia mi sento assolutamente di consigliarla: Anh, la ragazza che ci ha seguiti, è stata molto gentile, ci siamo trovati bene e ad Hanoi è stato piacevole incontrarla per un caffè e un pho insieme. Se avete bisogno di un contatto scrivetemi in privato, posso darvi la sua email. Per quanto riguarda i giorni sul Delta del Mekong sono stati organizzati prenotando il giro direttamente in albergo la sera prima; quasi tutti gli alberghi offrono tour affidabili ed hanno diverse opzioni tra cui scegliere.

vietnam

PERNOTTAMENTI. Avendo un itinerario piuttosto preciso e volendo evitare di sacrificare il tempo a disposizione nella ricerca di posti dove alloggiare una volta in viaggio, abbiamo prenotato alberghi direttamente dall’Italia attraverso Booking.com, con riserva di cancellazione gratuita. L’unica notte che abbiamo lasciato in sospeso è stata quella sul Delta del Mekong. Qui di seguito vi riporto i nomi degli alberghi con alcune note:

HANOI: Hanoi Focus Hotel – nuovo, centralissimo, pulito e con personale molto gentile (circa 45 USD per una notte);

HA LONG BAY: crociera a bordo della V’Spirit Cruise (230 USD totali in cabina doppia per un notte, pasti a bordo e servizio di shuttle bus da/per Hanoi);

SAPA: Sapa Panorama Hotel (30 euro a notte per un camera doppia, senza pretese ma molto centrale, camera nuova e pulito);

HOI AN: The Moon Homestay (134 euro per una camera doppia per 4 notti…ad Hoi An i prezzi salgono un po’ perchè piuttosto turistica. Questa homestay ha la piscina e le camere piuttosto grandi; la famiglia è ospitale, ci siamo trovati bene ma forse è un po’ decentrato per la sera nonostante in 15 minuti di bicicletta si raggiunga la città vecchia).

HO CHI MINH CITY: 3 notti e due alberghi diversi casualmente uno accanto all’altro nel District 1: The Town House 50, ostello nuovo super carino dove abbiamo dormito con 24 euro in due per una doppia con bagno in camera, e Eden Saigon Hotel, un quattro stelle molto bello, con piscina sul tetto dove abbiamo pagato 93 euro per due notti.

AVREI VOLUTO AVERE PIU’ TEMPO PER: conoscere di più le zone intorno a Sapa, vedere Hue, il mare di Mui Ne e l’isoletta di Phu Quoc, mangiare e assaggiare ancora tanto, fare la terapia del sorriso contagioso alle sei di mattina, fotografare ancora di più di quello che ho fatto. Buoni motivi per tornare o per prenotare il vostro prossimo aereo 😉

PS: se volete approfondire il mio viaggio e iniziare ad avere un’idea di cosa vi può più o meno interessare potete leggere i post nella sezione Vietnam.

PPSS: ultimo ma non ultimo….non dimenticate di stipulare una polizza assicurativa di viaggio per l’assistenza sanitaria ed il rimborso di eventuali spese mediche che quella è sempre importante!

vietnam

Annunci

5 pensieri su “Vietnam: come organizzare da soli un viaggio di due settimane.

      • Mi piace tantissimo leggere i diari di viaggio di altri blogger. Sembra di esser catapultati nel vostri itinerari. 😉 Grazie mille, lo farò e tu chiedi pure per Lisbona e/o Portogallo. Ci vivo da oltre 10 anni, qualcosina saprò dirti 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...